Ultime calciomercato Milan

Il calcio mercato del club del Milan si trova attualmente in una situazione di immobilismo a causa di una gestione considerata sommaria e superficiale, fatta di grandi annunci e promesse non mantenute. Pare che gli acquisti veri e propri coincideranno con la vendita di Bacca che consentirà al club di incassare 30 milioni, necessari per effettuare alcune operazioni di acquisto decisamente importanti. Ora però si viene a sapere che Bacca ha rinviato ancora la risposta al West Ham, arenando ulteriormente l’operazione e allungando i tempi relativi ai nuovi acquisti tanto attesi.

In questo tunnel infinito di rinvii qualcuno ha intravisto una luce che ha il nome di Grenier, famoso trequartista del Monaco, che nonostante piaccia a Galliani non sembra entusiasmare Montella a cui gli preferirebbe Sosa. Ora il punto resta la questione economica, dato che la squadra d’origine di Grenier, il Besiktas, ha stabilito alcune condizioni di ingaggio che hanno infastidito i dirigenti rossoneri. Infatti per poter acquistarlo toccherà sganciare 8-9 milioni, ma per Galliani sono troppi per un giocatore che ha 31 anni e che ha passato mezza stagione in infermeria a causa della frattura del femore.

Relativamente all’ingaggio si mormora che una squadra italiana (si pensa al Milan) avrebbe già sul tavolo un accordo con il Lione per un prestito con diritto di riscatto. Ma il presidente Aulas fa sapere che non ha mai ceduto i suoi giocatori con questa formula e quindi è naturale pensare che la dirigenza rossonera sia completamente allo sbando.

Inoltre secondo Galliani il Milan, per la sua storia e per il suo curriculum, è una squadra che merita di comparire tra le prime cinque della classifica italiana e i 57 punti conquistati nella scorsa stagione, con un discreto 7°posto, sono briciole per una tifoseria che è sempre stata fedele e rispettosa alle scelte della dirigenza rossonera.

Fonte: Pronostici calcio oggi

Come facevano le nostre nonne

Creme, oli, terapie mediche con apparecchiature ultramoderne, sono tantissimi i metodi per curare la cellulite; ma questo disturbo si manifestava anche molti anni fa, quindi come facevano le nostre nonne? Un tempo infatti non esistevano molte ricerche in merito, eppure alcuni metodi per eliminare la cellulite sono molto antichi e ancora oggi validi.

I massaggi
Anche se oggi alcuni tipi di massaggi sono utilizzati soprattutto per curare la cellulite, le metodologie su cui si basano ci arrivano dal passato, soprattutto il massaggio linfodrenante. Questo tipo di manipolazione infatti un tempo veniva eseguita anche per chi soffriva di gambe pesanti con ristagni di liquidi, con un efficacia dimostrata su moltissimi casi di pazienti con problemi di grado anche molto elevato. Il massaggio è una forma di terapia antichissima, che si esegue dalla notte dei tempi; alcuni prodotti a base naturale, come l’olio di betulla o gli estratti di mirtillo, ippocastano o vite rossa sono utilizzati da molti decenni. Certo negli ultimi anni se ne sono meglio compresi i meccanismi di azione, ma questo non significa che i loro effetti fossero prima sconosciuti.

Il bagno freddo
“Se bella vuoi comparire, un poco devi soffrire”; tutte abbiamo sentito questo antico adagio dalle nostre nonne. Se oggi molte terapie sono totalmente indolore, anzi anche piacevoli e rilassanti, un tempo non ci si faceva tanti problemi e si praticavano anche trattamenti spiacevoli. Un esempio sono i bagni ghiacciati, che stimolano la circolazione e favoriscono il drenaggio dei liquidi in eccesso: basta immergere le cosce in acqua e ghiaccio, per alcuni minuti, ripetendo più volte l’operazione. Un tempo si suggerivano anche le camminate in riva al mare, con l’acqua fino ai glutei, attività molto utile per prevenire la comparsa della cellulite.

Una dieta sana
La cellulite è spesso dovuta a squilibri ormonali o ad una eccessiva sensibilità all’attività di queste sostanze endogene. Nonostante quindi sia un problema presente da tantissimo tempo, sicuramente lo stile di vita contemporaneo ha portato ad una sua maggiore diffusione. Una dieta sregolata, la disponibilità di cibi grassi o ipercalorici, la vita sedentaria, sono tutti elementi che favoriscono lo sviluppo della cellulite o che la portano ad un rapido aggravamento. I rimedi antiche per curare la cellulite passavano tutti attraverso una dieta più regolare: più frutta e verdura, meno alimenti fritti, grassi o zuccherati, tanta attività fisica, tuti consigli che funzionano al meglio anche oggi e sono consigliati anche da molti medici.…

Prestiti fiduciari agli studenti

Il prestito fiduciario è una forma di prestito non finalizzato caratterizzato da una particolare rapidità nell’erogazione del denaro richiesto e quindi perfetto per chi ha imminenti problemi di liquidità. I prestiti fiduciari sono principalmente rivolti ai lavoratori dipendenti e autonomi, nonché a tutti i pensionati che vantano una certa affidabilità creditizia, ma in questa categoria di finanziamenti rientrano anche quei prestiti per studenti senza reddito.

Quando di parla di finanziamenti per studenti, c’è sempre una certa diffidenza, soprattutto (e paradossalmente) da parte di chi il prestito va a richiederlo. In realtà, il prestiti per studenti, e in particolare il prestito per studenti universitari rappresenta una grossa opportunità per tutti quegli studenti che non vantano un reddito mensile dimostrabile e che necessitino improvvisamente di denaro per affrontare delle spese didattiche impreviste. Ma andiamo con ordine. Per prima cosa puoi avere maggiori info sui prestiti per studenti, con o senza busta paga, su questo sito: www.isisquarto.it . Vediamo, invece, come funzionano i finanziamenti fiduciari nello specifico.

Il termine “fiduciario” sembra rimandarci a quel tanto bramato sentimento che regola i rapporti tra persone che promettono la propria lealtà, ma senza garanzie tangibili, affinandosi pertanto alla fiducia concessa dall’altro. Tuttavia, tra sconosciuti, e soprattutto quando c’è il denaro di mezzo, parlare di fiducia è piuttosto azzardato e si tratta di una situazione pressoché irrealizzabile.

In realtà, l’unica fiducia che si può concedere in un prestito fiduciario, riguarda la già citata affidabilità creditizia del richiedente, nonché l’esistenza documentata di un’entrata di denaro mensile e regolare.

Nel caso dei prestiti a studenti, però, questa condizione viene a mancare e il termine fiduciario diventa così ancora più ambiguo. Allora bisogna innanzitutto fare due premesse.

I prestiti per studenti vengono promossi fondamentalmente da istituzioni pubbliche, quali per esempio le Università – nel caso del prestito per studenti universitari – o qualunque istituto di istruzione in generale;

I prestiti per studenti senza reddito vengono concessi “Ad Honorem”, pertanto il termine fiduciario, applicato ai prestiti a studenti, può essere rapportato al livello di merito, da cui derivano particolari agevolazioni.

Le istituzioni pubbliche, comunque, per la concessione di questi finanziamenti per studenti, si appoggiano sempre a uno o più istituti bancari. Nello specifico, l’Università si occupa di emettere i bandi e accogliere o respingere le domande e accompagnare i soggetti richiedenti in tutte le fasi precedenti alla concessione del prestito, mentre la banca eroga fisicamente gli importi stabiliti, generalmente direttamente sul conto corrente aperto dallo studente contestualmente alla sottoscrizione del contratto di prestito.

La banca UniCredit per esempio, è uno degli istituti di credito che con maggiore frequenza concede prestiti fiduciari per studenti universitari. Nello specifico, questo prestito si chiama Unicredit Ad Honorem, ed è rivolto a tutti gli iscritti presso gli istituti di formazione che abbiano stipulato un apposito accordo con la banca stessa. Fra questi, figurano i più importanti Atenei italiani, ma anche scuole di formazione, collegi ed Enti regionali. Tanto per fare qualche nome: l’ Università di Bologna, la Scuola d’arte e mestieri di Vicenza, Università Bocconi di Milano e la LUISS di Roma, tutti gli Atenei piemontesi gestiti da Corep, l’Alma Graduate School.

In cosa consiste Unicredit Ad Honorem

Con un prestito fiduciario di questo tipo, gli studenti in possesso dei requisiti per ottenerlo saranno agevolati nel sostenere le spese didattiche per la propria istruzione. La Banca UniCredit concede una linea di credito in conto corrente UniCredit per un periodo – detto periodo di fruizione – che dipende dagli accordi stipulati con l’Ateneo partner (o altro istituto di formazione) e che varia a seconda del corso di studi e altri parametri specifici. Al termine del periodo di …

Pernotto + Rainbow Magicland. Le proposte per risparmiare

Il parco di divertimenti ideal? Rainbow Magicland!! Ecco come divertirsi risparmiando!

Rainbow Magicland é uno tra i più importanti parchi di divertimento presenti in Italia ed é anche uno di quelli costruiti più di recente. Nuovissimo, é situato vicino Roma da cui dista all’incirca 45 km. Tanti spettacoli e più di 38 attrazioni!

La scuola sta finendo i nostri bambini meritano di poter passare del tempo con i loro genitori, zii o nonni, trascorrendo una favolosa giornata all’insegna dello svago!!

Vorreste anche voi concedervi un momento di relax ma non potete fare a meno si pensare che andrete a spendere troppi soldi tra alberghi, colazioni, pranzi e cene?

Bene, se questa è la vostra paura, ma nel contempo vorreste davvero regalare alle persone amate un ricordo indelebile nel tempo, beh… dovete leggere questo mio post fino in fondo.

Troverete infatti mille idee su come risparmiare senza privarvi di nulla!

Tra e varie proposte che possono aiutarvi vi elencherò qui le più utili.
Su piucodicisconto.it troverete vari codici sconto per cui potrete pagare il biglietto del parco solo 26 euro a persona!

Su Tripadvisor troverete invece altri sconti che dovete tenere d’occhio!
Molto utile è ad esempio l’offerta 3×2 ! Comprare 3 biglietti ma pagarne solo 2! Se siete un’intera famiglia a voler visitare il parco bé immaginate quanti soldini potrete risparmiare!

Altra possibilità la da il sito ufficiale del parco giochi di Valmontone, magicland.it
Qui potrete trovare davvero una miriade di offerte. Avrete solo e soltanto l’imbarazzo della scelta. Tra le offerte più convenienti vi è sicuramente quella che comprende 2 giorni al parco ed una notte in hotel (dove la colazione è compresa) a soli 45 euro a persona! Risparmio più che garantito!

Un’altra offerta molto allettante è il biglietto flexi.
In questo caso pagherete il biglietto solo 29 euro a testa ma se non sarete in grado di recarvi al parco a causa di un’imprevisto, potrete spostare con molta facilita la data della visita senza costi aggiuntivi. Con il biglietto “data fissa” invece pagherete soltanto 24 euro a testa ma non potrete cambiare la data della vostra visita.

Ci tengo molto a ricordarvi che in entrambi i casi (sia che compriate il biglietto data fissa che quello flexi) se i vostri bambini sono alti meno di un metro l’ingresso è gratuito. Inoltre sono disponibili ticket ridotti (solo 20 euro) per i disabili, le persone con più di 65 anni, i militari e i bambini alti più di 1 metro ma che hanno meno di 14 anni!

Ultimo altro consiglio utile è quello di controllare sempre gli sconti di trenitalia (se optate per l’opzione treno) .In questo caso non portando la macchina potrete risparmiare ulteriormente sul costo della benzina, del pedaggio autostradale e del parcheggio!

Un’altro sito interessante é Airbnb.
Su questo sito potrete trovare appartamenti, stanze o addirittura villini a prezzi stracciatissimi. E potrete pernottare in tutta convenienza. Gli sconti sono vari e coprono una marea di bisogni!

Se poi ci tenete a soggiornare in una struttura a conduzione famigliare, l’ideale è scegliere un B&B Valmontone. Anche queste strutture si sono attrezzate con gli sconti. Propongono infatti dei pacchetti comprensivi di soggiorno, colazione e biglietto scontato per il Parco Giochi di Valmontone Rainbow Magicland.

Insomma le possibilità sono davvero tante. Se volete portare la famiglia al Rainbow Magicland questo è il momento giusto. Lascerete così un favoloso ricordo nella memoria dei vostri bambini e potrete tornare per un pochino bimbi anche voi!…

Come spiare un cellulare: 4 software per riuscirci

Se volete sapere come spiare un cellulare per motivi leciti che non violino la privacy, date un’occhiata ai 4 software che vi presentiamo.

Prima di cercare informazioni su come spiare un cellulare dovrete chiedervi lo scopo, che sia lecito, che non violi pesantemente la privacy altrimenti commettereste un reato. Tra gli scopi leciti più comuni: controllare un figlio per proteggerlo oppure controllare un dipendente per un buon motivo.
Una volta che avrete chiarito con voi stessi perché volete monitorare un cellulare non vostro e sarete giunti alla conclusione che, tutto sommato, è per un sano ed innocuo motivo, continuate pure la caccia al software perfetto per voi.
Abbiamo detto perfetto e, se proprio vogliamo finire il discorso, non esiste al mondo un software più completo come MySpy – compatibile con i sistemi operativi Android, iOS, BlackBerry, Symbian, Windows e Mac – che, oltre a farvi scoprire come spiare un cellulare (anche da PC), vi insegnerà come usare lo strumento giusto a 360 gradi.
Tra tanta abbondanza di App e programmi, scegliamo 4 software da consigliare, 3 per Android e 1 per Symbian.

Guardian

E’ l’ormai famoso programma antifurto per Symbian S60 da sfruttare come ‘spia’ di cellulari da remoto. Consente di monitorare SMS ricevuti ed inviati sullo smartphone, i contatti, le chiamate in uscita e in arrivo e tanto altro. Se sul cellulare controllato viene sostituita la SIM, Guardian invia una notifica e da remoto può anche cancellare dati, foto, messaggi senza che il proprietario del terminale si accorga di nulla. Per scaricarlo dovrete fare una piccola donazione.

Cerberus

Anche questo programma è un’App antifurto ma per Android e consente di controllare a distanza gli smartphone, di conoscerne la posizione geografica grazie a Google Maps.
Vi lascerà scoprire come spiare un cellulare anche in altri modi: potrete ottenere una lista delle chiamate e degli SMS in entrata e in uscita, registrare l’audio per controllare ciò che accade nei pressi del telefono, realizzare foto usando la fotocamera dello smartphone, cancellare i dati salvati, ecc.
Il tutto controllandolo direttamente da PC
E’ un’App gratuita ma solo per provarla i primi 7 giorni, dopodiché dovrete acquistarla alla cifra irrisoria di 2,99 euro.

Phone Control

Sempre per dispositivi mobile Android, Phone Control, dopo essere stata installata sul cellulare da controllare, consente di spiare SMS, registrare chiamate, ottenere le foto realizzate, ecc.
Questa App è in grado di inviare per e-mail o SMS resoconti dettagliati. Potete personalizzarla e lavora anche con terminali di fascia bassa. E’ gratuita ma esiste la versione completa da acquistare al prezzo di 1,99 euro.

Android Lost

E’ un’altra App antifurto per il sistema operativo di Google che, come Guardian, può essere sfruttata per spiare e comandare a distanza gli smartphone. Dopo l’installazione va associata al proprio account Google.
Le tre principali funzioni ci sono tutte (monitoraggio di SMS e chiamate, localizzazione geografica del telefono tramite GPS) ma non solo quelle. Può comandare a distanza via browser anche la cancellazione di dati, bloccare il telefono, emettere allarmi audio, inviare messaggi personalizzati, ecc.…

Consigli per l’acquisto di un drone

Quando decidiamo di acquistare un drone dobbiamo prendere in considerazione una serie di fattori che saranno decisivi nella fase di scelta del quadricottero dei nostri sogni. In particolare dobbiamo mettere insieme tre aspetti fondamentali: la sicurezza, l’aspetto economico e soprattutto lo scopo di utilizzo. Per questa ragione vogliamo fornirvi una mini-guida che ha come finalità, quella di aiutarvi nella scelta del vostro primo drone.

Come prima cosa dobbiamo orientarci verso un modello che rispetti appieno le nostre effettive capacità, dato che c’è un enorme differenza tra i droni giocattolo e cioè per principianti e quelli avanzati e cioè quelli per usi professionistici. In particolare questi ultimi appartengono alle fasce più alte perché sono dotati di una miriade di componenti e funzionalità, oltre al fatto che sono più difficili da pilotare e sono anche più costosi. Per questa ragione vogliamo consigliarvi come primo drone, qualcosa a basso costo, in modo da prendere dimestichezza con un modello dotato di controller. I vantaggi di questa scelta sono legati ad un sostanziale risparmio economico dato che i droni con controller vi eviteranno di sprecare dei soldi nel caso di rottura di eliche e nel caso bisogna addirittura sostituire l’intero drone.

Per quanto riguarda l’acquisto vero e proprio è ovvio dirvi che bisogna necessariamente rivolgersi ad un rivenditore autorizzato, senza cercare scorciatoie apparentemente convenienti che popolano sul web con il rischio truffa sempre dietro l’angolo. Anche se esistono numerosi shop on line più che sicuri come Amazon, Banggood e Gearbest. Prima di acquistare il drone, individuate lo scopo di utilizzo. Questa fase è molto importante per capire quale sia il velivolo più adatto alle vostre esigenze.

Il motivo è piuttosto semplice, dato che i droni hanno numerose funzionalità: dall’imparare a volare per testare le proprie capacità a realizzare fotografie e riprese aeree sia per finalità private che per scopi professionistici. Infine restate sempre aggiornati sul mondo dei droni, non solo in relazione agli ultimi modelli presenti sul mercato ma anche riguardo alle clausole del Regolamento ENAC, documentandovi sul patentino, le polizze e le varie autorizzazioni.…